News

Oknoplast Store Roma vi spiega come ottenere lo sconto in fattura grazie al Decreto Crescita

ecobonus infissi 2019Come ottenere lo sconto immediato del 50% sull’acquisto degli infissi?

Stai pensando di sostituire i tuoi vecchi infissi? Con il nuovo Decreto Crescita è possibile ottenere subito uno sconto in fattura sul prezzo finale pari al 50%.

Il Decreto Crescita 2019, pubblicato in Gazzetta Ufficiale n.151 del 29 Giugno 2019, ha come obiettivo quello di stimolare la ripresa economica del paese attraverso una serie di incentivi e agevolazioni, tra cui appunto le semplificazioni Ecobonus 2019. Il Decreto Crescita 2019 prevede la possibilità di beneficiare di un sconto immediato sugli investimenti effettuati su prodotti volti a migliorare l’efficienza energetica degli edifici, come ad esempio la sostituzione di vecchi serramenti con infissi di ultima generazione. Sfruttando questa possibilità l’acquirente può installare finestre di qualità beneficiando di uno sconto in fattura sul prezzo finale del 50% applicato dal venditore, che lo recupererà poi con il credito d’imposta in cinque anni in rate di pari importo.

Ecobonus infissi 2019 e cessione del credito

La sostituzione degli infissi al momento in cui scriviamo questa news concerne: 

– il Bonus Ristrutturazione 2019, che dà diritto anche al bonus mobili ed elettrodomestici di classe non inferiore a A+, a esclusione dei forni, 

– l’Ecobonus 2019 che permette di usufruire di uno sconto immediato in fattura.

In entrambi i casi la detrazione sull’acquisto dei prodotti a risparmio energetico è pari al 50%.

Bonus Ristrutturazione: cosa è

Per ottenere il Bonus Ristrutturazione le spese sull’acquisto dei prodotti devono avvenire tramite bonifico parlante oppure bonifico online bancario o postale, mentre per usufruire dell’Ecobonus infissi 2019 è necessario anche inviare una comunicazione specifica Enea entro il novantesimo giorno dalla fine dei lavori per dimostrare che i serramenti migliorano effettivamente il risparmio energetico dell’unità abitativa.

Per quanto riguarda il Bonus Ristrutturazione, la detrazione va divisa in 10 rate dello stesso importo, ciascuna delle quali deve essere dichiarata ogni anno per 10 anni nella dichiarazione dei redditi, per cui per tutto questo periodo deve essere conservata la documentazione utilizzata. La prima quota del bonus 2019 deve essere dichiarata nel modello 730 o modello Redditi 2020.

Cosa è cambiato con il Decreto Crescita 2019: lo sconto immediato bonus infissi

La grande novità che rende estremamente vantaggioso l’Ecobonus 2019 è che grazie al Decreto Crescita, è possibile usufruire di uno sconto immediato del 50% sull’acquisto degli infissi se questi rientrano entro determinati valori di risparmio energetico. Per ottenere questo sconto si deve cedere al venditore il Credito Ecobonus, che sua volta potrà incassare attraverso 5 quote annuali di pari entità. N.B. Nella fattura sarà presente l’intero importo, ma la cifra da versare effettivamente sarà pari alla metà.

Una volta effettuato l’acquisto sarà necessario comunicare all’Agenzia delle Entrate la cessione del credito che provvederà a rendere disponibile per il venditore la somma restante. Questa opzione è naturalmente vantaggiosa in quanto non richiede il pagamento dell’importo totale e l’attesa di 10 anni per il rimborso del 50%, ma la detrazione viene applicata direttamente sulla fattura e i soldi non devono essere anticipati dall’acquirente. Questo rappresenta sicuramente uno stimolo e un vantaggio per tutti coloro che hanno intenzione di sostituire le vecchie finestre di casa con infissi a risparmio energetico, non solo perché il risparmio sull’acquisto degli infissi è immediato, ma anche perché è direttamente il rivenditore ad occuparsi delle procedure.

Offerta subordinata all’accettazione da parte del cessionario finale del credito Ecobonus. Le Condizioni dettagliate dell’offerta sono riportate nell’apposito modulo disponibile presso Oknoplast Store Roma di Ciampino.

Finestre nuove a metà prezzo? Oknoplast Roma Store vi spiega come fare

ecobonus 2019Finestre: sconto 50 % in fattura con l'ecobonus

Oknoplast Roma Store oggi vi dà una grande notizia: potete acquistare le vostre finestre con uno sconto del 50% direttamente in fattura, grazie alla cessione del credito prevista dall'Ecobonus. Non più quindi recuperare la parte coperta dall'ecobonus in rate diluite nel tempo (anche 10 anni), ma subito e direttamente al momento del pagamento!

I contribuenti, infatti, che effettuano lavori in casa finalizzati al miglioramento energetico possono cedere il credito della detrazione riconosciuta ai fornitori che hanno effettuato gli interventi (Oknoplast Roma Store). Con la cessione del credito, in sostanza, il contribuente può beneficiare dell’erogazione in un’unica soluzione della detrazione riconosciuta (il 50%) e non, come di consueto in 10 rate annuali. Sarà il cessionario (Oknoplast Roma Store), al quale è stato attribuito il credito d’imposta, a poter utilizzare l’importo riconosciuto in compensazione.

Approfittate di questa grande opportunità! Veniteci a trovare nel nostro showroom di Ciampino, il personale di Oknoplast Roma Store sarà felice di illustrarvi tutto quello che c'è da sapere sulla cessione del credito ecobonus. La cessione del credito è fruibile sempre fatta salva la possibilità di applicazione delle normative vigenti e con l'approvazione del Fornitore a seguito della verifica delle condizioni necessarie in termini di garanzie per il buon esito della pratica.

Oknoplast Store Roma vi parla dell'isolamento acustico delle finestre

finestre isolamento acusticoIn questo articolo Oknoplast Store Roma vuole mettere l'accebto su una delle caratteristiche più importanti delle finestre, ma che troppe volte viene sottovalutata: l'isolamento acustico, ovvero  la capacità di isolare dal rumore esterno. Pensate al caso in cui abitiate vicino a strade molto trafficate... oppure pensate anche all'ipotesi contraria: vivere in campagna per cercare silenzio e non riuscire ad ottenerlo a causa del cattivo isoalemnto acustico delle vosre finestre! I rumori molesti sono sempre in agguato: basti pensare ai problemi quotidiani con i vicini di casa (il tosaerba, la musica o la televione troppo alta, etc.).

L'isolamento acustico è la capacità di una barriera (in questo caso, di una finestra) di ridurre l’intensità di un rumore, solitamente proveniente dall’esterno. Il valore d’isolamento acustico di un serramento è misurato in decibel (dB): tanto più è alto questo valore, tanto più la finestra fermerà rumori esterni e indesiderati. È importante sapere che ogni volta che il valore di isolamento acustico aumenta di 3 dB, si dimezza l’intensità del rumore percepito. Per garantire un comfort abitativo ottimale in casa, il livello di pressione sonora non dovrebbe oltrepassare i 40 dB. Non è facile mantenere questo valore dato che la maggior parte dei rumori esterni supera questa soglia. Ecco alcuni numeri: un cane che abbaia genera un rumore fino a 90 dB, uno strumento a fiato 100 dB, dei lavori stradali eseguiti con un martello pneumatico generano 120 dB.

Le finestre Oknoplast sono testate con i metodi più severi e garantiscono ottimi livelli di abbatimento del rumore esterno. Bisogna inoltre tenere presente che una parte importante la gioca la posa in opera della finestra. Quest’ultima dovrà essere eseguita a regola d’arte da personale qualificato. Una messa in opera errata potrebbe compromettere l’efficacia della finestra nel proteggere dai rumori esterni. Da questo punto di vista Oknoplast Roma Store è una garanzia, sia perchè è Oknoplast Premium Partner, sia perchè l'esperienza e la professionalita del propio personale vi garantirà una posa in opera pressochè perfetta.

Venite a trovarci nel nostro Oknoplast Store Roma a Ciampino, vi aspettiamo!

Oknoplast Store Roma vi parla dell'Ecobonus e della cessione del credito

ecobonus cessione credito 2019Finestre: ecobonus e cessione del credito

Oknoplast Store Roma oggi vi parla di un'importante opportunità normativa: l’incentivo Ecobonus, un'agevolazione fiscale che consente di detrarre in 10 anni dall’IRPEF o dall’ IRES una parte delle spese sostenute per interventi di riqualificazione. 

In aggiunta a questo vi è anche la possibilità della cessione del credito, ovvero i contribuenti che effettuano lavori in casa finalizzati al miglioramento energetico o alla riduzione del rischio sismico possono cedere il credito della detrazione riconosciuta ai fornitori che hanno effettuato gli interventi ovvero ad altri soggetti privati, con facoltà di successiva cessione. Con la cessione del credito, in sostanza, il contribuente può beneficiare dell’erogazione in un’unica soluzione della detrazione riconosciuta (dal 50%) e non, come vuole la norma, in 10 rate annuali di pari importo, bensì in un’unica soluzione.  

Nel dettaglio è possibile cedere il credito in merito all’ecobonus, per tutte le tipologie agevolate di interventi di riqualificazione energetica, realizzati sia sulle singole unità immobiliari, sia su parti comuni condominiali.

In generale la cessione riguarda:

  • tutti i contribuenti, anche non tenuti al versamento dell’imposta sul reddito, a condizione che siano teoricamente beneficiari della detrazione d’imposta prevista per gli interventi di riqualificazione energetica;
  • i fornitoriche hanno eseguito i lavori;
  • altri soggetti privatiquali persone fisiche, anche esercenti attività di lavoro autonomo o d’impresa, società ed enti che siano però collegati al rapporto che ha dato origine alla detrazione;
  • gli intermediari finanziari e gli istituti di credito solo nel caso in cui il credito è ceduto dai soggetti che ricadono nella c.d. no tax area.

Oknoplast Store Roma vi aspetta nel suo showroom di Ciampino (Roma).

Oknoplast Store Roma vi illustra la normativa sui benefici fiscali

Oknoplast Store Roma non è solo un partner tecnico, è al vostro fianco anche nella parte "burocratica" riguardante i vostri lavori. Esistono interessanti opportunità di risparmio nella normativa fiscale, ed i nostri esperti vi potranno consigliare ed assistere su quali poter utlizzare e come. Intanto diamo una breve panoramica delle possibilità offerte dalla normativa vigente (2019). Non perdete le utilissime guide che potete scaricare e che sono state realizzate direttamente dall'Agenzia delle entrate:

Interventi di riqualificazione energetica 2019

riqualifcazione energetica casaI contribuenti che eseguono interventi che aumentano il livello di efficienza energetica degli edifici esistenti possono detrarre una parte delle spese sostenute per i lavori dall’imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef) o dall’imposta sul reddito delle società (Ires). Grazie al bonus per il risparmio energetico, i contribuenti possono portare in detrazione con l’ecobonus dal 50 al 65 per centodella spesa sostenuta in base alla tipologia di lavoro effettuato.

La Legge di Bilancio 2019 ha prorogato i principali bonus per i lavori in casa, tra i quali per l’appunto l’ecobonus.

La detrazione per il risparmio energetico consente di beneficiare di uno sconto Irpef pari al 50% o al 65% della spesa sostenuta, in relazione alla tipologia di lavoro effettuato, percentuale che sale fino al 75% nel caso di lavori in condominio.

Nello specifico, la detrazione per interventi sulle abitazioni riguarda tutti gli interventi e le spese sostenute ai fini di:

  • miglioramento termico dell’edificio (coibentazioni, pavimenti, finestre e infissi);
  • installazione di pannelli solari;
  • sostituzione di impianti di climatizzazione invernale;
  • interventi di domotica, cioè installazione di dispositivi multimediali per il controllo a distanza degli impianti di riscaldamento.

Clicca qui per altre informazioni

Ristrutturazioni edilize 2019

riqualificazione edilizia

L’agevolazione fiscale sugli interventi di ristrutturazione edilizia è disciplinata dall’art. 16-bis del Dpr 917/86 e consiste in una detrazione dall’Irpef del 36% delle spese sostenute, fino a un ammontare complessivo delle stesse non superiore a 48.000 euro per unità immobiliare.

Tuttavia, per le spese sostenute dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2019 è possibile usufruire di una detrazione più elevata (50%) e il limite massimo di spesa è di 96.000 euro.

La detrazione deve essere ripartita in 10 quote annuali di pari importo. 

È prevista, inoltre, una detrazione Irpef, entro l’importo massimo di 96.000 euro, anche per chi acquista fabbricati a uso abitativo ristrutturati.

Clicca qui per altre informazioni